Al fine dell’ottenimento delle prestazioni del Gestore di Rete in merito alle connessioni di produzione di Energia Elettrica regolate dal TICA (Testo Integrato connessioni Attive), l’Autorità dell’Energia Elettrica e del Gas prevede che il richiedente la connessione deve effettuare uno specifico versamento forfetario proporzionale alla potenza di connessione richiesta.

All’atto della formalizzazione della richiesta per l’ottenimento del preventivo viene richiesto il «corrispettivo per l’ottenimento del preventivo di connessione»:

(Rif. Art. 6.6 dell’allegato A alla delibera ARG/elt 125/2010 – T.I.C.A.)

La richiesta di connessione comporta il pagamento di un corrispettivo per l’ottenimento del preventivo di connessione che è proporzionale alla potenza in immissione richiesta, come riassunto dalla tabella seguente:

VALORE DELLA POTENZA RICHIESTA IN IMMISSIONE CORRISPETTIVO PER IL PREVENTIVO
fino a 6 kW € 30,00
superiori a 6 kW e fino a 10 kW € 50,00
superiori a 10 kW e fino a 50 kW € 100,00
superiore a 50 kW e fino a 100 kW € 200,00
superiore a 100 kW e fino a 500 kW € 500,00
superiore a 500 kW e fino a 1.000 kW € 1.500,00
superiore a 1.000 kW € 2.500,00

A tali somme va aggiunta l’IVA di competenza da indicare sul modulo MO 0546 (vedi modulistica).

Per le informazioni sulle modalità di pagamento scrivere una pec al seguente indirizzo: produttori@pec.v-reti.it

In particolare: – l’art.21 dell’allegato A, introduce a carico del richiedente la connessione, sia obblighi di avvio del procedimento autorizzativo entro una determinata tempistica, sia obblighi di comunicazione a favore del gestore di rete.

Più precisamente il richiedente è tenuto a presentare, a pena di decadenza del preventivo, la richiesta di avvio del procedimento autorizzativo unico o del procedimento autorizzativo per la costruzione ed esercizio dell’impianto di produzione entro: 60 giorni lavorativi nel caso di connessione prevista in bassa tensione; 90 giorni lavorativi nel caso di connessione prevista in media tensione; 120 giorni lavorativi nel caso di connessione prevista in alta tensione.

Le tempistiche di cui sopra decorrono dalla data di accettazione del preventivo. Entro le tempistiche sopraddette il richiedente è tenuto altresì ad inviare al gestore una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di avvio del procedimento autorizzativo. A tal fine è stato predisposto il seguente modulo per la dichiarazione sostitutiva denominato:

MO 0448 – Autocertificazione iter autorizzativo – clicca e scarica il documento (vedi anche sez. Modulistica)

– l’art. 31 dell’allegato A prevede, a partire dal 01/10/2010, l’invio da parte del produttore di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante: l’avvenuto inizio dei lavori di realizzazione dell’impianto di produzione, allegando eventuali comunicazioni di pari oggetto trasmesse alle autorità competenti, ovvero il mancato rispetto dei termini per l’inizio dei lavori di realizzazione dell’impianto di produzione, indicando la causa del mancato inizio e il tipo di procedimento autorizzativo al quale è sottoposto l’impianto di produzione, qualora la causa del mancato inizio dei lavori sia la mancata conclusione dei procedimenti autorizzativi.

Il richiedente è altresì tenuto a conservare i documenti necessari ad attestare le suddette informazioni. A tal fine è stato predisposto il facsimile di dichiarazione sostitutiva denominato:

MO 0450 – Comunicazione Inizio Lavori

MO 0451 – Comunicazione mancato inizio Lavori

– L’art. 9.14 dell’allegato A prevede, a partire dal 01/11/2010, la decadenza del preventivo nel caso in cui l’impianto di produzione non sia stato realizzato entro le tempistiche previste dall’autorizzazione alla costruzione ed all’esercizio, ivi incluse eventuali proroghe concesse dall’ente autorizzante.

É necessario pertanto che il richiedente ci invii, al termine dei lavori di costruzione dell’impianto di produzione, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il rispetto della tempistica sopraddetta.

Gli art. 10.6 e 23.3 dell’allegato A prevedono inoltre, a partire dal 01/01/2011, l’invio da parte del produttore della comunicazione di ultimazione lavori dell’impianto di produzione, tramite dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

A tal fine è stato predisposto il facsimile di dichiarazione sostitutiva denominato:

MO 0449 – Comunicazione di fine lavori / rispetto tempi di esecuzione opere

La delibera n. 130/09 introduce delle modifiche all’art. 31.2 del Testo Integrato delle Connessioni Attive (TICA) relativamente agli obblighi informativi a carico dei richiedenti la connessione di impianti di produzione alla rete elettrica in caso di mancato inizio dei lavori di realizzazione dell’impianto di produzione.

Le principali novità introdotte dalla delibera sono le seguenti: i richiedenti la connessione dovranno inviare le comunicazioni di inizio lavori, mancato inizio lavori e stati di avanzamento solo al gestore di rete e non più all’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas; la comunicazione relativa al mancato inizio dei lavori deve contenere degli elementi specifici (potenza in immissione, potenza nominale, fonte primaria, codice pratica, causa di mancato inizio lavori, tipo di procedimento amministrativo, se causa del ritardo); in caso di comunicazione di mancato inizio lavori, il termine previsto per l’inoltro della comunicazione passa da 60 a 120 gg e la comunicazione va fatta mediante dichiarazione sostitutiva di notorietà; In caso di mancato inizio dei lavori di realizzazione dell’impianto di produzione, la comunicazione deve essere fatta entro: 12 (dodici) mesi dalla data di comunicazione di accettazione del preventivo, nel caso di connessioni in B.T. 12 (dodici) mesi dalla data di comunicazione di accettazione del preventivo, nel caso di connessioni in M.T. 18 (diciotto) mesi dalla data di comunicazione di accettazione del preventivo, nel caso di connessioni in A.T.

Nei casi in cui i termini sopra citati non possano essere rispettati a causa della mancata conclusione dei procedimenti autorizzativi o per cause di forza maggiore o per cause non imputabili al richiedente, il medesimo richiedente, al fine di evitare la decadenza del preventivo accettato, è tenuto a darne informazione al Gestore di Rete cui ha inviato la richiesta di connessione, con cadenza periodica di 180 giorni, mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà recante un aggiornamento dello stato di avanzamento dell’iter per la connessione. La comunicazione che il richiedente è tenuto a trasmettere al gestore di rete deve indicare: 1. il valore della potenza in immissione richiesta al termine del processo di connessione, espressa in kW; 2. la potenza nominale dell’impianto di produzione a cui si riferisce la richiesta di connessione, ovvero il valore dell’aumento di potenza dell’impianto di generazione elettrica installato; 3. la fonte primaria da utilizzare per la produzione di energia elettrica; 4. il codice che identifica univocamente la pratica di connessione (codice pratica CP) comunicato dal gestore di rete nel preventivo; 5. la causa del mancato inizio dei lavori per la realizzazione dell’impianto di produzione di energia elettrica; 6. il tipo di procedimento autorizzativo al quale è sottoposto l’impianto di produzione di energia elettrica oggetto della comunicazione, qualora la causa del mancato inizio dei lavori per la realizzazione dello stesso impianto sia la mancata conclusione dei procedimenti autorizzativi. I produttori sono tenuti a conservare i documenti necessari ad attestare le informazioni trasmesse ai gestori di rete ai sensi del presente comma.

In base all’art. 3 della delibera ARG/elt 99/08 tali obblighi e tali tempistiche sono estese anche alle Soluzioni Tecniche Minime Generali avanzate ai sensi della delibera n. 281/05.

da Allegare al regolamento di esercizio BT:
A paragraph is a self-contained unit of a discourse in writing dealing with a particular point or idea. Paragraphs are usually an expected part of formal writing, used to organize longer prose.
da Allegare al regolamento di esercizio MT:

Voltura di un impianto di produzione

Il Trasferimento di Titolarità di un impianto di Produzione

Sempre più produttori – la maggior parte fotovoltaici – trasferiscono di titolarità (mortis causa, cessione d’azienda, vendita immobile, ecc.) il loro impianto di produzione in favore di Cessionari che diventano così nuovi produttori.

Questa nuova condizione dell’impianto, che si trova attribuito ad un nuovo produttore, deve essere mappata c/o TERNA attraverso una apposita procedura in Gaudì e trattata c/o il GSE mediante un processo a portale GWA che sancisce questo trasferimento.

La stessa cosa deve essere fatta anche presso il Gestore di Rete V-Reti Spa

Spesso, questa variazione non viene a noi comunicata, anche perché non è stato puntualizzato come effettuare questa comunicazione.

Sulla scorta di quello che fanno altri distributori, è necessario che il trasferimento dell’impianto di produzione venga mappato con la nuova anagrafica mediante una dichiarazione che è stata appena da noi generata.

Il nuovo modulo «MO 0773 – Dichiarazione voltura Produttore Attivo» va in questo senso.

Il trasferimento di titolarità di un impianto di produzione è quindi il trasferimento da un Produttore ad un altro dei rapporti contrattuali inerenti l’impianto di produzione connesso alla rete elettrica di V-Reti Spa

Che cosa fare per effettuare la voltura di un impianto di produzione?

Per ciò che concerne i rapporti con il Venditore di Energia:

La prima cosa da fare quando c’è un trasferimento di titolarità di un impianto di produzione verso un unico soggetto (mortis causa, cessione d’azienda, vendita immobile, ecc.) è quella di preoccuparsi di effettuare dapprima il subentro sulla fornitura di Energia Elettrica, rivolgendosi al Venditore di riferimento (AGSM Energia, ENEL Energia, ENI, ecc.).

Per ciò che concerne i rapporti con TERNA – mediante il portale Gaudì:

Il produttore dovrà registrare il cambio di titolarità a portale Gaudì secondo le istruzioni di cui al seguente link.

Per ciò che concerne i rapporti con il GSE – mediante il portale GWA:

Il produttore dovrà registrare il cambio di titolarità presso il GSE secondo le istruzioni contenute nel sito del GSE.

Per i rapporti con V-Reti Spa:

Il produttore dovrà accedere al sito di V-Reti Spa nella sezione Connessioni Attive/Procedura per il cambio di Titolarità Impianti di Produzione è disponibile il modulo «MO 0733 – Dichiarazione voltura Produttore Attivo». Compilare questo modulo di voltura, facendo attenzione a registrare correttamente le anagrafiche del Cessionario e del Cedente (anche nel caso di mortis causa) in base al profilo corretto, se persona fisica, procuratore/ legale, rappresentante o ditta individuale indicando anche la tipologia d’impianto (BT o MT)

Il modulo è direttamente scaricabile al termine di queste istruzioni.

Come si invia il modulo?

L’invio del modulo «MO 0733 – Dichiarazione voltura Produttore Attivo» deve essere inoltrato a V-Reti Spa a mezzo PEC all’indirizzo: produttori@pec.v-reti.it

Il codice ditta assegnato a V-RETI Spa da utilizzare per le dichiarazioni di consumo è il seguente: IT00VRE00619X.

Si comunica agli spettabili produttori, che in base all’art. 52 TUA approvato con D.Lgs. 504/95, per gli impianti di produzione alimentati da fonti rinnovabili, l’Ufficio delle dogane territorialmente competente rilascia un codice, denominato “Codice Ditta”, a fini di censimento. V-RETI Spa in quanto impresa di distribuzione, ha l’obbligo di indicare, nella propria dichiarazione annuale di consumo di energia elettrica, l’energia trasportata sulla propria rete, identificando gli impianti di produzione che immettono in rete con il relativo codice ditta. Si prega, pertanto, i produttori di comunicare tempestivamente tale codice mezzo Pec all’indirizzo produttori@pec.v-reti.it, e, qualora non ne siano in possesso, di farne debita richiesta all’Ufficio dell’Agenzia delle Dogane territorialmente competente.

La nuova disciplina che regola i prelievi di energia elettrica destinata ad una successiva re-immissione in rete.

Con la delibera 109/2021/R/eel, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha introdotto nuove modalità di erogazione del servizio di trasmissione, distribuzione e dispacciamento nel caso dell’energia elettrica prelevata per i consumi relativi ai servizi ausiliari di generazione e l’energia elettrica prelevata e successivamente re-immessa in rete dai sistemi di accumulo.

La nuova disciplina prevede che, a decorrere dal  1 ottobre 2022, potranno essere accolte le istanze del produttore (ovvero del soggetto richiedente la connessione ai sensi del TICA); pertanto, i prelievi di energia elettrica destinata ad una successiva re-immissione in rete verranno trattati come energia elettrica immessa negativa, ai fini dell’accesso ai servizi di trasporto, distribuzione e dispacciamento.

I produttori dovranno utilizzare una specifica modulistica pubblicata da ARERA con la determina DMEA 5/2022 disponibile al seguente link.

Per procedere all’inoltro delle istanze, è possibile inviare una pec a: produttori@pec.v-reti.it

ARERA informa che l’abrogazione definitiva dell’articolo 16 del  TIT è rinviata al 1 gennaio 2024.

Per ulteriori chiarimenti si rimanda alla  delibera ARERA, e ai successivi approfondimenti: